12957473_1043495335698058_8155580220161113691_o

La Milonga, dove si balla il Tango

IMG_5903L’origine della parola “milonga” sembra derivi dal “kimbundù”, lingua precoloniale parlata in Africa centrale, che ancora oggi è usata in Angola e Zimbabwe. In questa lingua la parola “mulonga” significa “parola”. Milonga significherebbe quindi “discorso”. Questa parola veniva usata anche dai payadores della pampa argentina (prima della nascita del tango) per indicare genericamente un posto in cui si balla. Gli stessi payadores, guarda caso, improvvisavano testi poetici accompagnandosi con la chitarra, usando il genere musicale della milonga.

Con la parola “milonga” nel Tango possiamo quindi intendere due cose:

In questo articolo parleremo del suo secondo significato.

In realtà, per essere più precisi, la Milonga è l’evento e non il luogo in cui questo evento si svolge. In uno stesso locale, ad esempio, si possono organizzare serate di Milonga in alcuni giorni e serate di altro tipo (ad esempio salsa) in altri giorni.

Quindi il Tango Argentino (includendo anche i generi del Tango Vals e della Milonga) si balla in Milonga.

Ma come funziona una Milonga? Ci sono delle caratteristiche, tradizioni e regole che è bene conoscere prima di entrare in una Milonga.

Prima di tutto in Milonga può ballare solo chi sa ballare il Tango (chi lo ha studiato e praticato raggiungendo un livello sufficiente di dimestichezza). Non ci si butta a ballare in pista senza saper ballare! Finché non si è ancora pronti per la Milonga, ci sono le “pratiche”, ma non si dovrebbe mai smettere di studiare. Nel tango non si finisce mai di imparare e migliorarsi. Migliorarsi serve per avere maggiori possibilità di invito in milonga e quindi per divertirsi di più!

12967923_1043495402364718_8756436111751364536_oMa torniamo alle caratteristiche di una Milonga: questa normalmente si svolge in un ambiente dotato di una pista da ballo di forma regolare (quadrata, rettangolare o più raramente tonda) con un pavimento liscio (il migliore è il parquet). Intorno alla pista ci dovrebbero essere dei tavoli e delle sedie. Di solito nelle Milonghe c’è anche un bar e talvolta un ristorante. Da qualche parte, con vista sulla pista, troviamo la consolle con il “musicalizador”, ovvero il DJ del tango, chiamato spesso TDJ (Tango DJ) o TJ.

Il Musicalizador è quindi colui che seleziona i temi da ballare. Tale selezione non è affatto casuale e segue delle regole (o tradizioni) definite, oltre a necessitare un’approfondita conoscenza della musica del tango.

Introduciamo quindi il concetto di “tanda”, ovvero una sequenza di 3 o 4 brani (di Tango, Milonga o Vals) e di “cortina”, ossia un’interruzione musicale di un genere non tango (può essere qualsiasi tipo di musica) che normalmente dura dai 30 secondi a 1 minuto e che si interpone tra le tande.

 

Le tande si ballano, le cortine no. Durante le cortine, infatti, la pista si svuota ed avvengono i nuovi inviti a ballare.

Le tandas, secondo la tradizione, oltre ad essere composte da brani dello stesso genere (o di tango o di milonga o di vals) sono anche della stessa orchestra. Ad esempio una tanda di tango dell’orchestra di Carlos Di Sarli oppure una tanda di Milonga dell’orchestra di Edgardo Donato. Raramente vengono passate tandas miste (di diverse orchestre) che però devono avere in comune almeno lo stesso stile musicale ed epoca.

Anche la sequenza delle tandas non è affatto casuale. Avremo, infatti: 2 tandas di Tango (4 brani ciascuna), 1 tanda di Vals (3 brani), 2 tandas di Tango (4 brani ciascuna), 1 tanda di Milonga (3 brani) e poi ricomincia la sequenza.

Certe volte, nelle serate di Milonga, possiamo anche ballare con musica dal vivo suonata da gruppi o orchestre contemporanee di tango. Il TDJ comunque non manca mai, dato che il concerto dura di solito un’ora e mezza mentre la milonga almeno 3-4 ore.

Le Milonghe sono quasi sempre serali/notturne, ma esistono anche le pomeridiane, specie di sabato e domenica.

Abbiamo quindi visto come è fatta una Milonga e come si svolge la selezione musicale. Ma come si svolge il ballo nella Milonga? Anche questo non è affatto casuale! Anzi segue delle regole ben precise che provengono dalla tradizione (di Buenos Aires) e che sono state codificate nel cosiddetto Codigo de la Milonga” o “Galateo della Milonga”. In realtà servono per far sì che il ballo si svolga in modo pacifico e rispettoso verso gli altri.

In primo luogo è fondamentale considerare che la Milonga è anche un ambiente sociale! Ci sono le coppie che ballano in pista e i tangueros e tangueras che sono seduti ai tavoli o in piedi intorno alla pista per invitarsi a ballare o semplicemente a chiacchierare con gli amici, guardare o bere qualcosa.

Chi sta ballando ha la precedenza sugli altri. Non si deve mai disturbare chi balla, quindi durante le tande non si attraversa mai la pista e non si fa troppa confusione.

IMG_3960Il ballo del tango in pista (chiamato Tango de Pista) genera una “ronda”: le coppie non ballano sul posto ma si muovono in senso antiorario creando diversi cerchi concentrici. Normalmente le coppie più esperte si posizionano nel cerchio più esterno che è quello che dovrebbe scorrere più velocemente. Quando la coppia entra in pista, deve ballare seguendo la ronda, nel cerchio in cui si è posizionata all’inizio. La coppia può entrare in pista all’inizio della tanda o durante la stessa. In quest’ultimo caso, deve fare attenzione ad inserirsi nella ronda senza disturbare le coppie che stanno già ballando.

Ma come si forma la coppia di ballo? Come avviene l’invito a ballare? Ecco, qui è fondamentale introdurre il concetto di “mirada y cabeceo. Il tango è un ballo sociale nel senso che non si balla solo con il proprio partner o con la persona o persone con cui ci si reca in Milonga. Capita spesso, quindi, di ballare con persone che non si conoscono affatto o solo di vista. Chiunque può ballare con chiunque, se lo vuole! Proprio per questo, al fine di evitare situazioni di disagio dove chi invita o viene invitata non vuole ballare con l’altro, l’invito dovrebbe avvenire tramite, appunto, la mirada (da mirar = guardare) ed il cabeceo (da cabeza = testa). Come funziona: un tanguero che vuole ballare con una certa tanguera, la guarda. Stessa cosa fa la tanguera: guarda (mira) i tangueros con cui vorrebbe ballare. Se gli sguardi (las miradas) si incontrano, il tanguero fa un cenno con la testa (cabeceo) verso la tanguera che intende invitare. Se la tanguera intende accettare l’invito, sorride o fa anche lei un cenno di assenso o un sorriso assertivo, altrimenti (se la sua mirada era involontaria) volge lo sguardo altrove. Anche l’uomo che viene “mirato” da una donna con cui non vuole ballare, invece di fare il cabeceo volge lo sguardo altrove. In questo modo nessuno dei due, in caso di non reciprocità dell’invito, non si sentirà a disagio di fronte agli altri! Se l’uomo invece di invitare con mirada e cabeceo, si reca dalla tanguera e le chiede esplicitamente di ballare, sta infrangendo il galateo della milonga e si sta esponendo al rischio di un “no, grazie!” che non è mai piacevole!

Quindi, una volta avvenuta la mirada e il cabeceo ed accettato l’invito, il tanguero si avvicina alla tanguera e lei si alza dal suo posto ed entra in pista. Così si forma la coppia… ci si abbraccia e si inizia a ballare!

Altra cosa importante: secondo il Galateo della Milonga, la coppia di ballo che si è formata con mirada y cabeceo dovrebbe ballare insieme per l’intera tanda. Solo in casi “gravi” la coppia si scioglie e smette di ballare prima della fine della tanda (ad esempio se uno dei due, durante il ballo, si comporta in modo irrispettoso, ad esempio criticando il modo di ballare dell’altro).
Quindi… tangueras… meglio osservare come balla un tanguero prima di accettare il suo invito, perché una volta accettato non si può interrompere la tanda (salvo motivi particolari).
Tangueros, evitate di invitare tangueras che sono troppo avanzate rispetto al vostro livello di ballo; pure doveste riuscire a ballare con loro, probabilmente vi faranno sentire la loro insoddisfazione.
Alla fine della tanda, quando inizia la cortina, la coppia si divide e lascia la pista. Durante la cortina la pista di dovrebbe svuotare completamente. E’ questo il momento migliore per mirada y cabeceo!

Si possono fare più tande di seguito con la stessa persona? Non è vietato, ma neanche raccomandato, quindi fatelo solo se ne vale veramente la pena.
Per ulteriori informazioni sulle regole di comportamento in Milonga, vi rimandiamo alla lettura del “Galateo della Milonga”.

 

autore: Manuela D’Orazio

Condividi su:

Lascia un commento