Nada

Tango: Nada

Genere: Tango
Anno: 1944
Musica: Josè Dames
Testo: Horacio Sanguinetti

Versioni / Orchestre:

Orchestra Carlos Di Sarli con voce di Alberto Podestà
Orchestra Miguel Calò con voce di Raul Iriarte
Orchestra Rodolfo Biagi canta Alberto Amor
Orchestra Leopoldo Federico canta Julio Sosa

ascolta su youtube:

Testo originale (letra) in spagnolo/lunfardo

He llegado hasta tu casa…
¡Yo no sé cómo he podido!
Si me han dicho que no estás,
que ya nunca volverás…
¡Si me han dicho que te has ido!
¡Cuánta nieve hay en mi alma!
¡Qué silencio hay en tu puerta!
Al llegar hasta el umbral,
un candado de dolor
me detuvo el corazón.

Nada, nada queda en tu casa natal…
Sólo telarañas que teje el yuyal.
El rosal tampoco existe
y es seguro que se ha muerto al irte tú…
¡Todo es una cruz!
Nada, nada más que tristeza y quietud.
Nadie que me diga si vives aún…
¿Dónde estás, para decirte
que hoy he vuelto arrepentido a buscar tu amor?

Ya me alejo de tu casa
y me voy ya ni sé donde…
Sin querer te digo adiós
y hasta el eco de tu voz
de la nada me responde.
En la cruz de tu candado
por tu pena yo he rezado
y ha rodado en tu portón
una lágrima hecha flor
de mi pobre corazón.

Testo tradotto in italiano

Sono arrivato fino a casa tua…
io non so come ho fatto!
Se mi hanno detto che non ci sei,
che mai ritornerai….
Se mi hanno detto che te ne sai andata!
Quanta neve c’è nella mia anima!
Che silenzio c’è nella tua porta!
All’arrivare alla soglia
un canto di dolore
mi ha fermato il cuore.

Niente, niente rimane nella tua casa natale…
solo ragnatele che intelaiano i cespugli.
Neanche il roseto esiste più
ed è sicuro che è morto al tuo partire…
Tutto è una croce!
Niente, niente più che tristezza e silenzio,
nessuno che mi dica se vivi ancora…
Dove stai per dirti che oggi sono tornato pentito a cercare il tuo amore?

Mi allontano da casa tua
e vado non so dove…
senza volerlo di dico addio
e fino all’eco della tua voce
niente mi risponde.
Nella croce del tuo canto
per il tuo dolore ho pregato
e ha lambito il tuo portone
una lacrima fatta fiore
del mio povero cuore.

Traduzione a cura di: Manuela D’Orazio

Condividi su:

Lascia un commento